subscribe: Posts | Comments

Ritiro moto incidentata, prima di rottamare verifica se puoi venderla

Commenti disabilitati su Ritiro moto incidentata, prima di rottamare verifica se puoi venderla

Quando si fa un incidente in moto, spesso i costi di riparazione sono davvero alti e quando il mezzo non è nuovo non vale davvero la pena. Molte persone pensano che la scelta migliore sia rottamarla… ma è davvero così? In realtà c’è un’ottima alternativa: la vendita. Chi si occupa di ritiro moto incidentate ha sottolineato come sia possibile dare una seconda vita ad alcuni pezzi di ricambio che possono essere utili per riparare altre moto. Il mercato della vendita delle moto incidentate è florido proprio come quello delle auto e il motivo è il medesimo: chi si occupa del ritiro di mezzi incidentati sa che può trarne un vantaggio economico rivendendo alcuni pezzi a carrozzieri o meccanici specializzati. Il guadagno da parte tua può essere superiore a quello della rottamazione: il costo dipende dalla tipologia del modello, dallo stato dei pezzi e dalla richiesta di mercato. Se sei interessato a questo servizio puoi richiedere una valutazione per il ritiro moto incidentata su https://www.ritiromotoincidentate.com/.Il servizio, offerto dal sito è una delle migliori scelte e alternative alla rottamazione.

Ritiro moto incidentata: a chi affidarti

Se la tua moto è sinistrata o incidentata puoi rivolgerti ad un meccanico di fiducia per ottenere un preventivo; la maggior parte delle volte però danni meccanici ed elettrici possono risultare eccessivamente dispendiosi. Per questo motivo molti scelgono di demolire e rottamare il mezzo; quello che non tutti considerano è che la rottamazione ha dei costi e salvo quando è una concessionaria ad occuparsene con lo scopo di venderti una moto nuova, non risulta affatto la scelta più conveniente. Per questo motivo ti suggeriamo di provare il servizio di ritiro moto incidentate offerto dal sito specializzato: questa scelta ti permette non solo di non pagare le spese di rottamazione ma addirittura di guadagnare qualcosa dalla vendita.

Questa tipologia di soluzione è ottima non solo per le moto incidentate ma anche per quelle alluvionate: quando si va ad intervenire su dei mezzi dopo che hanno avuto danni importanti al motore o alle componenti elettriche si ottengono preventivi da capogiro per la riparazione e spesso non è nemmeno possibile ripristinare il quadro completo; soprattutto se la moto è datata non conviene e di conseguenza il ritiro con una vendita è sicuramente più conveniente del costo di una rottamazione.

 Meglio la vendita o il bonus rottamazione?

Nel 2021 i bonus sono stati numerosi e fino a fine anno esiste la possibilità di sfruttare il bonus rottamazione. Ma quali sono le differenze? Quale sarebbe la scelta migliore? Il bonus rottamazione utilizzato per le auto e le moto permette di ottenere sgravi fiscali interessanti su un acquisto successivo. Il primo e importante svantaggio della rottamazione rispetto alla vendita è che obbliga ad un nuovo acquisto se si vuole ottenere un bonus. La rottamazione limita poi anche la tipologia di mezzo per ottenere il bonus: vengono considerati idonei i mezzi inquinanti cioè quelli Euro 0, Euro 2 ed Euro 3 a due tempi. Se pensi di rottamare il tuo vecchio scooter o la vecchia moto hai tempo fino al 31 dicembre per avere un rimborso di 500 euro.

La scelta tra le due opzioni dipende da persona a persona ma avere direttamente una somma di denaro senza doverla investire obbligatoriamente nell’acquisto di un altro mezzo è sicuramente più vantaggioso. Per questo ti suggeriamo di valutare il sito ritiromotoincidentate.com dove è possibile richiedere il servizio. Con copertura capillare delle maggiori città italiane, il servizio attiva subito una valutazione tenendo conto di aspetti come lo stato del mezzo, la possibilità di avere pezzi di ricambio e la richiesta di mercato: una volta avviata la pratica in pochissimo arrivano da te a recuperarlo e a pagarti in modo immediato.