subscribe: Posts | Comments

Omeopatia e dimagrimento, qual è il nesso: cosa sapere

Commenti disabilitati su Omeopatia e dimagrimento, qual è il nesso: cosa sapere

C’è un legame tra l’omeopatia e il dimagrimento? Perdere peso non è mai semplice, o almeno: non lo è senza una buona dose di sacrificio e di forza di volontà. Avere qualche kg in più è spesso un problema per tante donne e uomini, che vorrebbero rimettersi in forma, magari in vista della prova costume. La domanda però resta: come perdere peso velocemente con l’omeopatia?

Dal momento in cui l’omeopatia è a tutti gli effetti una medicina naturale che controlla sia lo stato di salute del paziente che quello psichico, c’è da dire che può rivelarsi efficace durante la dieta. Naturalmente, è importante seguire regime naturale appropriato, ma ancor di più è l’atteggiamento verso l’alimentazione che deve cambiare. Vediamo di approfondire il legame tra omeopatia e diete, e soprattutto comprendiamo come rimetterci in forma senza operare troppe rinunce.

Omeopatia e dimagrimento, come può aiutare?

L’omeopatia è una medicina alternativa naturale che agisce su ogni aspetto della vita di un individuo. Quali sono le cause che ci portano a ingrassare? No, spesso non è solo quel che mangiamo, ma è molto di più. Per esempio, condurre una vita stressante inevitabilmente ci porta a prendere peso.

C’è da considerare che, di solito, chi soffre di nervosismo ha un livello di stress ossidativo nel corpo niente male, così come può avere difficoltà a dormire, a riposare bene. Il gonfiore è una naturale conseguenza, un campanello di allarme dell’organismo che ci avverte che qualcosa non va, non funziona più.

Come si inserisce l’omeopatia nella dieta? In poche parole, si punta decisamente all’eliminazione dello stress e inoltre si sceglie di consigliare alimenti più salutari, andando a ridurre sensibilmente l’appetito durante il giorno.

Consigli per perdere peso con l’omeopatia

Stando a quanto riferiscono gli omeopati, non è in realtà fondamentale seguire una dieta da fame, e allo stesso tempo è altamente sconsigliato avere una drastica perdita di peso. Il motivo è semplice: si devono salvaguardare le principali funzioni metaboliche dell’organismo.

Inoltre, è fondamentale cambiare totalmente il comportamento alimentare, per ritrovare un proprio equilibrio metabolico. Le regole da seguire sono assolutamente semplici e non vanno in alcun modo a intaccare la serenità dell’individuo. Seguire una cura omeopatica per la dieta personalizzata però ha i suoi risvolti benefici.

Perché si tende a ingrassare?

Il rapporto con il peso o più in generale con l’alimentazione non è affatto uguale per tutti. C’è chi soffre di fame nervosa, chi invece ha un metabolismo più lento, o ancora chi purtroppo deve fare i conti con i disturbi alimentari.

Ecco perché l’omeopatia è una chiave di volta per perdere peso, perché consente di stare bene con se stessi, di tornare ad amarsi. Non è solo una questione di buttare giù qualche kg di troppo, ma di tornare ad avere un buon livello di salute. Si deve inoltre considerare che non bisogna mai saltare i pasti e che la colazione è il momento più importante della dieta.

Quanto influiscono gli stati nervosi sul peso?

Questa domanda ben pochi se la fanno, ed ecco perché fin troppo spesso si fatica a dimagrire. Seguire la dieta è solo la punta dell’iceberg. Allo stesso tempo, è importante impegnarsi, fare attività fisica, non condurre uno stile di vita eccessivamente sedentario, non farsi prendere dallo sconforto.

Tra gli stati umorali che più portano all’obesità troviamo proprio loro: irritabilità, malumore, nervosismo. Ed ecco perché i rimedi omeopatici per dimagrire possono tornare utili, per iniziare un percorso di consapevolezza e per migliorare se stessi. Capire i problemi di fondo può cambiare in modo decisivo l’approccio alla dieta.

In ogni caso rimane importante non fissarsi troppo sulla bilancia. La ricerca ossessiva della perdita di peso, infatti, potrebbe portare agli effetti opposti. Cambiare le proprie abitudini e rivoluzionare la propria vita, invece, è decisamente la cosa migliore da fare, magari facendosi sostenere da un omeopata esperto (in nessun caso seguire dei rimedi fitoterapici da soli).