subscribe: Posts | Comments

Montagna in estate: dove andare per una fresca vacanza

Commenti disabilitati su Montagna in estate: dove andare per una fresca vacanza

Molte persone, quando pensano all’estate, pensano soltanto alle località marittime. Tuttavia esistono moltissime altre mete, soprattutto per gli amanti dello sport e del clima fresco. La montagna, infatti, offre infinite opportunità di relax e divertimento.
In Italia, le due principali catene montuose sono ricche di possibilità di svago e offrono la possibilità di un soggiorno speciale a seconda di ogni esigenza.

Alpi

Ponte di Legno
In provincia di Brescia, una località molto frequentata già dai primi del Novecento. In questo luogo è possibile provare ogni tipo di attività. Molto apprezzata dagli amanti dello sport, si può scegliere tra le numerose escursioni sia a piedi che in bicicletta. è possibile scegliere tra i diversi livelli di difficoltà, partendo dai percorsi più pianeggianti arrivando a quelli più difficoltosi per i più allenati e appassionati. Non si può passare per Ponte di Legno senza raggiungere il passo del Tonale, da cui partono molte escursioni per il ghiacciaio Presena, innevato anche in estate. Per quanto riguarda i percorsi in bicicletta il più frequentato è sicuramente quelle dell’Alta Val Camonica, che collega Ponte di Legno a Vezza D’Oglio, dislivello di circa 300 metri e quindi accessibile anche alle famiglie, segue la riva del fiume Oglio passando per paesini e boschi.
Per gli amanti del relax invece è possibile usufruire dei numerosi agriturismi in zona, oppure utilizzare le varie piscine e campi da golf.
Alta Pusteria e Lago di Braies
L’Alta Pusteria comprende i comuni di Villabassa, Sesto, Braies e San Candido. Natura spettacolare in questo angolo dell’Alto Adige, le principali attrazioni sono le tre cime di Lavaredo e il lago di Braies.
Quest’ultimo, chiamato “la perla delle Dolomiti”, è situato a circa a 1500 metri a nord del parco naturale di Fanes-Senes-Braies. Visitabile sia in inverno (ghiacciato e coperto di neve) che in estate, stagione in cui è possibile affittare barche a remi per “navigare” il lago tra i riflessi delle sue acque cristalline, oppure passeggiare nel sentiero che lo circonda. Sarà possibile anche le numerose leggende sull’origine di questa valle.
Nei dintorni è possibile visitare i paesi di Dobbiaco, erano e Brunico.
Valle d’Aosta
Pur essendo un regione piccola essa è un vero gioiello per gli amanti della montagna. Oltre ai soliti percorsi escursionistici esistono numerose altre opportunità. La storia è uno dei fiori all’occhiello di questa zona, essa è costellata di castelli e molti sono visitabili tramite numerosi tour organizzati.
Per chi vuole conoscere di più sulla catena montuosa su cui si accinge a trascorrere un soggiorno, sicuramente una visita museo delle Alpi all’interno del Forte di Bard è un dettaglio da non farsi sfuggire.
Per chi invece preferisce godersi la montagna in senso stretto una delle attrazione che si può lasciar scappare è la funivia skyway del Monte Bianco, che permette di arrivare fino a 3500 m.

Appennini

Gran Sasso
Quando si parla degli Appennini non si può tralasciare il Gran Sasso. Una zona con turismo più di “nicchia” anche per i paesaggi così aspri e ruvidi. Per gli amanti della natura più “selvaggia”, esso è un gioiello per la biodiversità. Il bird watching e l’osservazione di fauna e flora locali sono tra le attività principali in zona. Grazie alle pareti rocciose presenti il Gran Sasso è una meta molto ambita per gli amanti delle arrampicate e delle sfide ad alta quota.
Via degli dei
Per gli amanti delle escursioni questo percorso è davvero imperdibile. Itinerario escursionistico che collega Bologna a Firenze ed attraversa l’Appennino tosco-emiliano. Lungo questo percorso, lungo circa 130 km è possibile vedere paesaggi incantevoli e piccoli borghi. La flora e la fauna sono osservabili lungo i sentieri e cambiano in base alla zona percorsa.
La difficoltà è media, alcuni tratti possono essere faticosi, perciò è bene essere allenati e attrezzati. Prima di partire è bene organizzarsi e studiare il percorso anche per stabilire le tappe e i pernottamenti nei vari ostelli e agriturismi presenti.